Edizioni Agemina

Vai ai contenuti

Menu principale:

Emma Nocera

autori

EMMA NOCERA
PEZZETTINO MIO
Una Voce per la vita
Note introduttive di
(1) Tommaso Braccesi
(2) Domenico Asmone
(3) Alessandro Tonarelli
(in 4ª di copertina) Mela Mondì
Agemina  9788895555355
Pag. 128 Euro 13,00

Maricchia è una donna fisicamente ed emotivamente sola. Grandi sono le sue carenze affettive e difficoltosa, senza spiragli, la sua situazione economica.
Di fronte ad una maternità non programmata, ed apparsa nella sua vita a sorpresa, si trova sulla pelle e sulla coscienza il peso di una decisione che mette a repentaglio la vita della creatura in cammino.
È il dramma che affligge molte donne, oggi, in una società così evoluta, come un tempo, quando alla donna erano precluse tutte le strade per un vivere socialmente  accettabile.
Cosa fare?
Eliminare la creatura comodamente appoggiata dalla legge 194? Oppure darle la vita e sfidare la vita con tutte le problematiche che essa comporta e comporterà?
Da qui parte il drammatico racconto dove la protagonista si strugge alla ricerca di una presa di coscienza che sia davvero illuminata...

Emma Nocera, nata a Reggio Calabria, dove si è laureata in Lingue e Letterature straniere, attualmente vive e lavora a Pistoia.
Ha pubblicato le raccolte di poesie: "Dal vero" (1981) e "Le pietre della memoria" (1983).
E i romanzi: "La fiumara" (Agemina - 1988) e "Donne e Tarocchi" (1998).
Ha pubblicato, inoltre, racconti su varie riviste letterarie.
Emma Nocera è anche un'affermata pittrice. Ha esposto le sue tele in numerose mostre personali e collettive.
Per il Comune di Pistoia ha dipinto il Palio della Giostra dell'Orso nel 2004.
Ha ottenuto premi importanti sia per la letteratura sia per la pittura.

Hanno scritto di lei (in ordine alfabetico):
Maurizio Abbati, Roberto Carifi, Dino Carlesi, Valter Chiappelli, Giulio Ciampi, Guido Di Pino, Marcello Gherardini, Elettra Giaconi, Lidia Kruskel, Loris Landi, Ilaria Minghetti, Franco Napolitano, Tommaso Paloscia, Giorgio Poli, Marta Quilici, Nicola Risaliti, Vauro Senesi,  Salvatore Sorbello.

 
Torna ai contenuti | Torna al menu