Edizioni Agemina

Vai ai contenuti

Menu principale:

catalogo

 


TITOLI ESAURITI

Verba volant, sed scripta manent”



1 - Saggistica
2 - Storia
3 - Narrativa Ragazzi
4 - Narrativa adulti
5 - Gialli
6 - Poesia
7 - Arte
8 - Spiritualità


COLLANA - PAESI, FATTI, PERSONAGGI
SHARON FRANCOIS
Dal Passato per l’Arte
L’Eredità di una Geisha
(Saggio)
Collana Paesi, fatti, personaggi
ISBN 88-901830-3-9
978 - 88-901830-3-4
pp. 64 (14x21)
illustrato a colori br. rilegato
• 10,00

Sharon Francois è laureata in lingua e letteratura straniera. È appassionata di studi
orientali e ama molto viaggiare. L’eredità di una Geisha è la sua prima pubblicazione
È un libro di 64 pagine, ma intenso, singolare, ricco di notizie e curiosità sui
costumi orientali delle Geisha.
È dotato di una importante bibliografia, di un glossario, per l’interpretazione di
alcuni vocaboli giapponesi, e di note esplicative a piè pagina.
È utilissimo per chi viaggia, per gli studenti e per gli appassionati di studi orientali.
Ma è soprattutto utile perché, attraverso un profilo storico culturale delle
Geisha, Sharon Francois ci porta a conoscere questa figura artistica, che in effetti
è una delle personalità più suggestive e misteriose del mondo orientale, anzi la
protagonista della vita sociale giapponese.
Diversamente da come vengono intese comunemente, le Geisha sono giovani ragazze
istruite, professionalmente preparate in un’apposita scuola per intrattenere
e dilettare – con musica, danze, canti e conversazione – gli ospiti delle Okaya,
ovvero delle sale da the.
Le Geisha sono cultrici di una tradizione intramontabile
4
COLLANA - PAESI, FATTI, PERSONAGGI
CLAUDIO MANDUCHI
La Tavola Smeraldina
Dai Castelli alle Piramidi
Collana: Paesi, fatti, personaggi
ISBN 978-88-901097-7-5
pp. 200 (14x21) brossura
rilegato filo refe
• 15,00

Un viaggio - dai Castelli del Trentino fino alle Piramidi d’Egitto - alla ricerca
della misteriosa Tavola Smeraldina. Su di essa è incisa la formula della “Pietra
Filosofale”, la magica formula che, secondo quanto tramandato da testi antichi,
trasformerebbe ogni tipo di metallo in oro.
Un gruppo di uomini di cultura si mette dunque in viaggio e, attraverso un itinerario
ricco di documenti, di personaggi storici e mitologici, di luoghi ricchi d’arte
e di mistero, perviene al compimento della missione e alla conclusione definitiva.
È un libro che incuriosisce e arricchisce il lettore: Margherita Maultasch, Tommaso
d’Aquino, Ermete Trismegisto, la via Romea, Tunguska, Kemet, Kom Ombo,
sono alcuni dei nomi di personaggi e di siti che incontriamo in questo libro intenso
e ricco di luoghi, scenari grandiosi, spettacolari, descritti con squarci lirici di
grande effetto.
Un libro da consigliare agli studenti liceali e universitari.
Claudio Manduchi, già Professore Ordinario di Fisica Generale presso l’Università
di Padova, ha pubblicato numerosi Lavori Scintifici su Riviste Internazionali. Ha diretto
scuole di perfezionamento in Fisica Nucleare. Attualmente è impegnato in
problematiche sulla Fusione Nucleare Fredda.
(narrativa-saggistica)
5
CLAUDIO MANDUCHI
ANTIMATERIA
(narrativa-saggistica)
ISBN 978-88-901830-5-8
pp. 120 (14x21)
brossura rilegato filo refe
• 14,00

Improvvisi cambiamenti atmosferici, ecologia, materia e antimateria, particelle e
antiparticelle, elettroni positroni, la macchina del tempo, sono gli argomenti di
grande interesse e attualità trattati, in un convegno immaginario, dal protagonista
del libro, che è lo stesso Autore, il Professore Universitario Claudio Manduchi.
Il modello espressivo è il dialogo, un dialogo serrato fra dotti. E i lettori vengono
indotti a incontrare personaggi del calibro di Aristotele, Democrito, Einstein,
Galileo Galilei, il Ruzante, Copernico, e tanti altri.
Il paesaggio dei Colli Euganei descritto liricamente domina la pagina. Vi sono
immagini di luoghi come Arquà Petrarca, la Villa dei Vescovi, Casa Cornaro, il
Palazzo della Ragione, Praglia, che la commossa vibrazione sentimentale dell’Autore
rende immortali.
Claudio Manduchi, già Professore Ordinario di Fisica Generale presso l’Università
di Padova, ha pubblicato numerosi Lavori Scintifici su Riviste Internazionali. Ha diretto
scuole di perfezionamento in Fisica Nucleare. Attualmente è impegnato in
problematiche sulla Fusione Nucleare Fredda.
COLLANA - PAESI, FATTI, PERSONAGGI
Collana: Paesi, fatti, personaggi
6
Un viaggio tra Scienza e Fede, dal Trentino ai luoghi delle Sacre Scritture per
una ricerca, fondata su dati oggettivi tra“le leggi eterne e le verità nascoste”. Il
tema, arricchito da i grandi temi della Bibbia, è uno dei più importanti e affascinanti
del nostro pianeta: la ricerca dei reperti dell’Arca di Noè, un viaggio, dunque
verso “i monti che hanno ispirato l’immaginario dell’umanità”, e in particolare
verso il “Monte Ararat, la prima banca genetica della Storia...” Nel
romanzo, trovano ampi spazi suggestive descrizioni liriche dei luoghi visitati: la
Val di Non, San Romedio, i manieri, le Chiese, i luoghi sacri della Bibbia: il
Sinai, Aqaba, Amman, Petra, Monte Thor, Qumran - il luogo dove vengono ritrovati
i misteriosi rotoli dell’Arca - e infine Gerusalemme, il Golgota... Lo stile
s’intreccia mirabilmente con la maestria dell’imponente archivio di testimonianze
e documenti raccolti nel lungo peregrinare verso verità da sempre oggetto di
studi e approfondimenti da parte di teologi e scienziati.
“L’Arca di Noè”, intercalato da scoperte, citazioni, iscrizioni, è un’altra grande
prova d’Autore del Professor Manduchi. Il filo d’Arianna è costituito dall’intelligenza
e dal rigore dell’uomo di scienza, che non vuole abbandonare
nell’inspiegabilità i temi cruciali delle nostre origini e della nostra spiritualità.

CLAUDIO MANDUCHI
L’ARCA DI NOÈ
(narrativa-saggistica)
Edizioni Agemina - 9788895555089
Bross. rileg. illustrato copertina
bandelle
Pagine 216 - Euro 20,00

COLLANA - PAESI, FATTI, PERSONAGGI
Collana: Paesi, fatti, personaggi
Claudio Manduchi, già Professore Ordinario di Fisica Generale presso l’Università
di Padova, ha pubblicato numerosi Lavori Scintifici su Riviste Internazionali. Ha diretto
scuole di perfezionamento in Fisica Nucleare.
Attualmente è impegnato in problematiche sulla Fusione Nucleare Fredda.
7

COLLANA - PAESI, FATTI, PERSONAGGI
Luigi Oliveto Roberto Vicario
IL PALIO IN VOLTO
ISBN 978-88-95555-00-3
pp. 96 (20x26)
copertin a bandelle, brossura
rilegato filo refe
tutto a colori • 20,00

Tra le tante pubblicazioni che testimoniano di una delle manifestazioni più conosciute
e amate non solo dai Senesi, ma da tutto il mondo, questa si distingue per
la magnificenza dei versi di Luigi Oliveto e per l’originalità delle immagini, che
fissano momenti irripetibili, rappresentativi dei sentimenti della gente comune.
Ecco come si esprime il Professore Antonio Cardini nelle prime righe della prefazione:
“È con l’animo colmo di gioia e con viva emozione che si sfogliano le
immagini di questo volume, un entusiastico omaggio al giubilo e alle esternazioni
del Palio.
Lo scenario del Campo, il punto più suggestivo della città, è certo un ambiente in
grado di accogliere un tale splendido entusiasmo ma è stato poi arricchito dal
lavoro assiduo delle foto e dal testo poetico che esprimono la dedizione alla
causa, l’impegno, il valore, la capacità di sfruttare gli eventi e di dominarli,
l’astuzia, la conoscenza degli uomini e delle cose che dominano gli eventi
palieschi”.
Luigi Oliveto - giornalista, scrittore, saggista, poeta Senese - ha al suo attivo numerose
pubblicazioni di narrativa, saggistica, poesia.
Roberto Vicario - fotoreporter giornalista,collabora dal 1978 con periodici della Toscana
e agenzie nazionali.


COLLANA - PAESI, FATTI, PERSONAGGI
PAOLO PAOLETTI
FIRENZE AGOSTO 1944
Alleati, Tedeschi, C.T.L.N. partigiani e
franchi tiratori nel mese
più sanguinoso della storia fiorentina
ISBN 978-88-901097-8-2
brossura, rilegato filo refe
pagg. 256 (17x24) • 17,00
La I^ edizione è esaurita


Questo libro è la prima opera sulla liberazione di Firenze scritta sulla base della
bibliografia straniera e della documentazione archivistica italiana, alleata e tedesca.
È così emerso che in questi 60 anni è passata solo una storia scritta ad uso
domestico, per cui si è dovuto censurare persino Winston Churchill, reo di aver
pubblicato che “i neozelandesi avevano costretto i tedeschi a ripiegare attraverso
Firenze”. Implicitamente il primo ministro inglese ammetteva che i tedeschi furono
costretti a difendersi dietro l’Arno. In effetti il 30 luglio 1944 il Comandante
in Capo alleato, maresciallo Alexander, aveva lanciato un volantino con cui invitava
i Fiorentini a salvare i ponti per inseguire più velocemente i Tedeschi...
Paolo Paoletti, dal 1984 ricercatore negli archivi militari italiani e stranieri, ha impostato
il suo lavoro sulla ricerca e l’analisi delle fonti primarie, documentarie ed
orali... ha pubblicato circa 20 opere storiche tra le quali ricordiamo: I Caduti di
Cefalonia, I traditi di Cefalonia, la strage di Fossoli, Sant’Anna di Stazzema: la strage
impunita...
9
Paolo Paoletti
Firenze giugno-agosto 1944
A caro prezzo
Collana: Paesi, fatti, personaggi
Edizioni Agemina ISBN 9788895555225
Pagine 428 – Euro 24,00

Non un nuovo libro sulla Liberazione ma un libro nuovo, sconvolgente perché
basato su fonti inglesi, americane, canadesi, indiane, neozelandesi,
sudafricane e tedesche.
Un libro scomodo che ribalta la vulgata di Firenze deliberatamente distrutta
dalla Wehrmacht e prima città italiana ad essersi liberata da sola.
In quell’agosto 1944 scomparve la Firenze medievale e morirono oltre un
migliaio di persone. Perché si celebrano tutte queste distruzioni e questi morti
quando tutto questo poteva essere evitato?
Di chi la colpa?
L’autore riscrive questa pagina di storia fiorentina che va dal giugno - il mese
delle decisioni - all’agosto 1944. Il maggiore responsabile della distruzione
dei ponti e quindi del nucleo medievale di Firenze fu il feldmar. inglese R. H.
Alexander, che non volle aggirare la città perché pensava che i suoi sei ponti
gli avrebbero permesso di inseguire il nemico.
Anche i fascisti e i partigiani portano una parte di responsabilità: ambedue
vollero darsi battaglia tra le mura cittadine.
Alla fine furono gli occupanti tedeschi quelli che dichiararono Firenze città
aperta e la rispettarono finché il nemico glielo permise.
Come ammise Winston Churchill nel 1948.


10
PAOLO PAOLETTI
CEFALONIA
SANGUE INTORNO
ALLA CASETTA ROSSA
Collana : La storia
Esecuzione degli Ufficiali della
Divisione Acqui - 24-25 settembre 1943
brossura, rilegato filo refe
pagg. 184 (15x21) • 17,00
NOVITA’ IN LIBRERIA “La Storia”

PAOLO PAOLETTI
Le mille verità, sviscerate e documentate con perizia e meticolosità da Paolo
Paoletti, sulla strage più controversa della Storia.
“La “Casetta Rossa” o “Casa Rossa”, un villino tinteggiato di rosso colpito
dalle bombe tedesche, nei pressi di Capo S. Teodoro, all’estremità sud del golfo di
Argostoli, nella parte occidentale dell’isola di Cefalonia, fu il punto di raccolta
degli ufficiali della Divisione Acqui destinati alla fucilazione.
Lì, oltre un centinaio di ufficiali, prigionieri di guerra, trascorsero le loro ultime
ore di vita, in attesa del loro turno davanti al plotone d’esecuzione. Gruppi di
otto alpini tedeschi si alternarono, per una intera mattinata, davanti a tre fosse
naturali per assolvere al loro macabro rituale di morte.
Questa casa in riva al mare, circondata da un giardino recintato, si può e si
deve considerare uno dei simboli dell’eccidio di Cefalonia e quindi di uno dei più
iniqui massacri di prigionieri di guerra dell’intera seconda guerra mondiale2. La
‘Casetta Rossa’ è subito assurta a luogo rappresentativo della strage dei soldati
italiani della divisione Acqui a Cefalonia.”
Paolo Paoletti, dal 1984 ricercatore negli archivi militari italiani e stranieri, ha impostato
il suo lavoro sulla ricerca e l’analisi delle fonti primarie, documentarie ed
orali... ha pubblicato circa 20 opere storiche tra le quali ricordiamo: I Caduti di
Cefalonia, I traditi di Cefalonia, la strage di Fossoli, Sant’Anna di Stazzema: la strage
impunita...Ha pubblicato oltre 22 libri.
Edizioni Agemina - 9788895555126
11
COLLANA - PAESI, FATTI, PERSONAGGI
SERGIO
GIANCLAUDIO CERRETI
Gli anni della storia
Sestesi sotto Monte Morello
ISBN 978-88-901097-7-1
brossura, rilegato filo refe
pagg. 232 - (17x24) • 16,00


Dopo “Sotto il Piazzale” del 1992 (Agemina), Sergio Gianclaudio Cerreti esordisce
con questo nuovo libro dove personaggi, luoghi e fatti scorrono a formare un
vasto affresco narrativo. Il libro è suddiviso in sette sezioni.
La prima parte è dedicata a un’aneddotica realistica, da cui prendono vita scenette
esilaranti, a volte irriverenti, ma sempre piacevoli. Segue una ricca testimonianza
di personaggi indimenticabili, come zio Maso, uomo onesto e rude, legato al
lavoro e alla famiglia; e ancora personaggi che sono stati i protagonisti della
Sesto Fiorentino degli anni del dopoguerra.
Gli anni della distruzione, il ‘43 e il ‘44, il terrore, le tante vite spezzate, sono
episodi inediti della storia di Sesto Fiorentino. Nel libro trovano posto anche
personalità della politica, del cinema e della letteratura.
Sergio Cerreti, nato a Parigi nel 1937, giunge in Italia al termine della 2^ guerra
mondiale, quando ha fine il lungo esilio politico della sua famiglia, rifugiatasi in
Francia,poi in Belgio, in Danimarca, Unione Sovietica.Si è laureato a Roma in Architettura
e ha operato per la Regione Toscana nel campo dell’Urbanistica.
Ha pubblicato: “Dietro il Piazzale”, Il Tramway di Sesto - Calosci
12
SERGIO
GIANCLAUDIO CERRETI
I detti delle
nostre Nonne
ISBN 978-88-95555-03-4
brossura, rilegato filo refe
pagg. - (14,8 x 21) • 14,00
COLLANA - PAESI, FATTI, PERSONAGGI

SERGIO GIANCLAUDIO CERRETI ha raccolto, trascritto e com- mentato
oltre mille modi di dire popolani, in uso nel contado sestese, e diciamo pure in
tutta la Toscana, con qualche variante locale, fra l’Ottocento e la prima metà del
Novecento.
Il titolo “I detti delle nostre nonne” ha una sua peculiarità: il Cerreti, fanciullo,
ascoltava dalla voce viva della nonna e di altre persone anziane i loro modi di
esprimersi e li registrava nella memoria, da dove ora li ha tratti e trascritti per
farceli rivivere e riascoltare.
Un modo eccellente per salvaguardare le tradizioni linguistiche, che tanta storia
hanno avuto nelle radici della nostra cultura e nella nostra formazione in tempi in
cui l’analfabetismo imperava, quando cioè detti e proverbi costituivano non solo
la Bibbia ma anche il codice comportamentale di ogni individuo.
Ogni detto è dotato di una traduzione letterale in italiano e di un commento
interpretativo che caratterizza questa pubblicazione.
Sergio Cerreti, nato a Parigi nel 1937, giunge in Italia al termine della 2^ guerra
mondiale, quando ha fine il lungo esilio politico della sua famiglia, rifugiatasi in
Francia,poi in Belgio, in Danimarca, Unione Sovietica.Si è laureato a Roma in Architettura
e ha operato per la Regione Toscana nel campo dell’Urbanistica.
Ha pubblicato: “Dietro il Piazzale”, Il Tramway di Sesto - Gli anni della Storia-
Sestesi sotto Monte Morello.

13
DOMENICO GUZZO
La morte fra la
Piazza e la Stazione
Storia e cultura politica del
terrorismo in Italia negli anni 70

Brossura, cucitura filo refe,
risvolti di copertina
pagg. 248 - (17x24) • 18,00
Novità- PerchÈ la memoria non vada smarrita
COLLANA: STORIA CONTEMPORANEA

Domenico Guzzo nasce a Losanna (Svizzera) nel 1982 da una famiglia di emigrati
meridionali, e cresce in un piccolo villaggio del basso Cilento. Trasferitosi a Forli’,
diviene direttore di una piccola pubblicazione a diffusione intrastudentesca e Curatore
di un fortunato cineforum universitario. Laureatosi in Scienze Internazionali e Diplomatiche
presso l’Università Alma Mater di Bologna - Sede di Forli’, si occupa
dapprima di politiche migratorie comunitarie a Bruxelles, per poi passare alla sezione
eventi cinematografici e culturali dell’Istituto Italiano di Cultura di Marsiglia.
"Gli anni '70 in Italia" è il suo primo libro.
ISBN 978-88-95555-04-1
Una indagine accurata sulle stragi e i fatti accaduti in Italia tra il 1969 e il 1980.
Innumerevoli sono le tracce ed i riflessi che le nere e crudeli storie che qui si
vengono a raccontare, ancora emanano; ed è lavorando su queste - e su un clinico
scavo delle fonti storiche, archivistiche, giudiziarie e giornalistiche - che questo
libro “Gli anni settanta in Italia - storia e cultura politica del terrorismo -
giunge a proporci una visione coerente e stimolante del dipanarsi di estremismi,
falliti golpe ed azioni armate.
Si tratta non solo di storiografia del terrorismo, ma di analisi delle culture politiche
sottostanti gli opposti terrorismi, di monitoraggio della stampa dell’epoca, di
interviste a coloro che più di altri hanno potuto valutare il fenomeno, il tutto
senza tralasciare il quadro internazionale, all’interno del quale l’Italia si trovava
ad operare. È stato presentato a Marseille, a Bruxelles, a Pesaro, a Sapri, e Celle
di Bulgheria (SA). Altre presentazioni a settembre.
14
COLLANA - BIBLIOTECA DEI RAGAZZI
LORETTA GIANNANGELI
PIEDINO
Favola + Teatro
Collana Biblioteca dei ragazzi
Illustrazioni della stessa autrice
copertina di Yelitza Altamirano
(romanzo fantasy) ragazzi 10-15 anni
ISBN 978-88-901097-8-2
pagg. 96 - (14x21) • 12,00

Loretta Giannangeli, tra favola e teatro.
Protagonista di questo lungo racconto è un giovane, cui è stato imposto un
nome davvero strano. Anche le sue caratteristiche fisiche sono del tutto diverse
da quelle dei suoi genitori, dei suoi compagni di scuola e degli abitanti
del paese in cui vive.
Una circostanza casuale, ovvero il ritrovamento di una piastrina su cui sono
incisi dei caratteri a lui sconosciuti, lo mette in agitazione. La piastrina, infatti,
davanti allo specchio, riflette il suo nome.
Comincia da quel momento un’avventura che lo porta a conoscere finalmente
il mistero della sua nascita e il paese in cui è nato. Si tratta di un luogo dove
tutto funziona “alla rovescia”. Un re tiranno costringe i suoi sudditi a comportamenti
fisici inverosimili. Ma cosa farà il nostro protagonista per cambiare
quel “mondo alla rovescia”?
Ottimo per una recitazione divertente ed educativa.

Loretta Giannangeli, docente di lettere, ha realizzato numerosi progetti teatrali
nelle scuole medie. Ha vinto importanti premi letterari per la narrativa e attualmente
è impegnata nella stesura di due romanzi per ragazzi.
15
ANNA LAURA CRESTI
Costantino
sulla Luna
Favola
Collana Biblioteca ragazzi
(6-10 anni)
Illustrato da Marta Piccirillo
ragazzi 6-10 anni
ISBN 978-88-95555-07-2
pagg. 96 - (14x21) • 10,00

Anna Laura Cresti, docente di lettere, si dedica da tempo ad attività umanitarie.
“Costantino sulla luna” è la sua prima pubblicazione.
Come parlare ai bambini del problema della morte o della scomparsa di una
persona cara senza creare traumi permanenti e paure lesive?
Ci pensa Anna Laura Cresti, con questo fantasioso e fantastico racconto, in cui
crea un mondo immaginario di esseri in comunicazione tra la terra e la luna.
Sulla luna, i defunti, dopo il loro arrivo e un periodo transitorio di attesa - più o
meno lungo - programmano il loro ritorno sulla terra assumendo sembianze nuove,
seppure appartenenti a persone care della propria famiglia.
Così, la nonnina, dalla luna, sogna di tornare sulla terra, mentre sulla terra c’è un
bambino che attende ansioso l’arrivo di un fratellino o di una sorellina.
Si tratta di un mondo surreale, immaginifico, denso di buoni propositi e pensieri,
oltre che di personaggi puri, morali, integerrimi.
Ottimo, educativo.
Novità in libreria
COLLANA - BIBLIOTECA DEI RAGAZZI
16
AUSILIA C.
BRILLANTINA
Una storia fantastica
(Una donna in carriera - amore
ed erotismo)
(romanzo)
SBN 978-88-901097-8-2
pagg. 352 - (14,6x21) • 16,00
brossura cucitura filo refe - bandelle
Benedetta è una giovane di fisica immediatezza. È istintiva, spontanea, versatile,
di sani principi morali, ma il suo linguaggio, spesso crudo e triviale, si contrappone
alla levatura interiore di cui lei va orgogliosa. È cresciuta senza genitori,
sotto la guida di un padre-tutore. In forza di tutto ciò, in lei matura una caparbia
volontà di affermarsi. Ogni pagina di “Brillantina” è sorprendente, come lo è la
sua protagonista, perché Benedetta è un vulcano di sentimenti e di azioni, di
pensieri e di fatti.
Priva di inibizioni, sfodera il suo funambolico ed effervescente linguaggio, anche
in momenti particolarmente convenzionali. Lei è “l’insostenibile leggerezza dell’essere”,
ma è anche una forza della natura: studia, lavora, ama, balla, fa l’indossatrice,
l’attrice, la mamma... ed è una fonte costante di attrazione e di “sesso”.
Ausilia C., laureata in lettere, è alla sua prima pubblicazione, ma scrive da sempre ed
ha nel cassetto altre opere. La sua scrittura è decisa, limpida e priva di affettazioni.
Filtrato attraverso un’operazione ardita e intelligente, “Brillantina” un romanzo giovane,
compiuto nello stile e nel costrutto, tanto da trascinare il lettore nelle trame più
segrete e inaspettate della struttura narrativa.
COLLANA DI NARRATIVA: I TIPI
Novit‡ (amore ed erotismo di una donna in carriera)
17
COLLANA DI NARRATIVA: I TIPI
VALENTINO ROCCHI
ìLA MAGIA
DEL FUOCOî
(romanzo)
ISBN 978-8895555-01-0
pagg. 176 - (14,6x21) • 14,00
brossura cucitura filo refe - bandelle

È un libro magico, come già si evince dal titolo. Un romanzo che potrebbe collocarsi
tra le opere maggiori della letteratura verista italiana.
Non è un giallo, ma avvince come un giallo, fino all’ultima pagina.
Con uno stile inconfondibile, da grande maestro della narrativa, Valentino Rocchi,
ci trascina all’interno di una storia dura e coinvolgente.
È un documento umano, attinto dalla realtà sociale contadina dei primi del ‘900,
quando vigeva ancora la legge del primogenito, padrone assoluto, dispotico nell’atteggiamento,
con il conseguente assurdo vassallaggio e la sofferenza degli
altri componenti familiari.
Protagonista è il nipote illegittimo, Nuto, nato con una malformazione al piede,
condizione che lo emargina dal resto della famiglia. E non solo.
Ma il fuoco, con la sua magia, gli sarà complice perché si realizzi in qualche
modo il suo riscatto. Il motivo della solitudine e dell’attaccamento alla “roba”
investe tutta la famiglia, mentre il “genio” di Nuto è lì per dargli una spinta e
impedirgli di diventare un “vinto”.
La prosa di Valentino Rocchi è pittoresca, scultorea.
Novit‡ *****
Valentino Rocchi, nato in Romagna, risiede a Pesaro È socio corrispondente della
Rubiconia Accademia dei Filopatridi di Savignano sul Rubicone.
Ha già pubblicato:Una storia a Castelvecchio, L’Eredità di Venanzio,Notte all’Hostaria
La Guercia,Gli uomini di Bluma,La saggezza di Toni.
18
VALENTINO ROCCHI
1504 – NOTTE ALL’HOSTARIA
“LA GUERCIA”
PANDOLFO COLLENUCCIO UOMO DI CORTE
DEL XV SECOLO
EDIZIONI AGEMINA
ISBN 978-88-95555-11-9 Pagg. 296 -
Euro 18.00

Novità in libreria (romanzo storico - II edizione)
I libri di “qualità” della Piccola Editoria
Il tocco magistrale di un “Autore” si riconosce dall’abilità con la quale riesce a
trascinare il lettore nei meandri della sua mente e lo induce ad appropriarsi della
pagina, dell’ambiente, dei personaggi narrati, per far rivivere la loro storia nel
passato e nel presente, con una forza rappresentativa così efficace da rendere
autentici anche i fatti scaturiti dalla sua fantasia.
Valentino Rocchi, già autore di numerosi libri e - per l’Agemina - de “LA MAGIA
DEL FUOCO”, ci riconferma, con questo romanzo “1504 – Notte
all’Hostaria La Guercia” (Agemina 2a edizione) le sue particolari doti di “maestro
della narrativa”.
Non è semplice, infatti, argomentare di avvenimenti storici relativi a un passato
così lontano, se non si è sviscerata e approfondita la materia trattata e se l’autore
non si proietta all’interno dei fatti riportati con la passione e la perizia di chi
conosce l’animo umano e i risvolti della mente dell’uomo di potere. E, soprattutto,
di colui che del potere si fa custode e difensore.
Pandolfo Collenuccio, protagonista dell’opera, è uomo di corte del XV secolo.
Richiamato a Pesaro da Giovanni Sforza, trascorre l’ultima notte da uomo libero
in un’hostaria, rievocando, attraverso flashback mirati, i momenti più cruciali e
importanti della sua vita, e ricostruendo, così, la storia politico-culturale delle corti
del XV secolo.
Personaggi, cortigiani, usi, costumi, moda, congiure, fonti non legali di ricchezza,
scorrono davanti agli occhi del lettore, come in un grande affresco epocale.
È un lungo viaggio storico che, tra forza d’inventiva e realtà, investe potenze
come Venezia - la Serenissima - Milano con gli Sforza, Mantova con i Gonzaga,
Firenze con Lorenzo dei Medici, e poi i Farnese, gli Este, il Papato (e gli intrighi
19
In arrivo per fine Ottobre (copertina in preparazione) dell’epoca), e naturalmente Pesaro, con Giovanni Sforza, reduce da una congiura
ordita a suo danno da Cesare Borgia.
Scopriamo così che Pandolfo Collenuccio lavora, come un fine tessitore di alleanze
e di solidarietà tra Potenti, man mano che avanza nella carriera e vive le sue
non facili vicende familiari e amorose.
Caduto in disgrazia, pur presagendo la terribile sorte cui va incontro, non torna
indietro.
Nella stessa notte, mentre Pandolfo Collenuccio, all’Hostaria La Guercia, rivive
con la memoria gli avvenimenti dell’epoca - che lo hanno visto coinvolto in prima
persona - anche Giovanni Sforza, chiuso in una stanza del suo palazzo, in compagnia
dell’ambiguo nano Torricella, suo acuto confidente e segretario, rivive gli
incubi residui della persecuzione e quelli più aspri del persecutore. Intesse le
medesime vicende storiche del momento con scenari più equivoci e infidi. E prepara
le vendette.
Valentino Rocchi ha creato, con questo romanzo, un’opera di ampio respiro, che
merita un posto di primo livello, non solo nel campo della narrativa, ma anche e
soprattutto nel campo storico.
L’affinità di eventi così lontani nel tempo, eppure così vicini ai nostri più recenti
- dove la cortigianeria, le lordure ambientali, la disparità tra ricchezza e povertà,
continuano a parlarci di poteri e strapoteri, di vittime e di persecutori - conferiscono
a questo libro un forte carattere di attualità.
VALENTINO ROCCHI, nato a Savignano sul Rubicone, risiede sin dall’infanzia a
Pesaro. È socio corrispondente della Rubiconia Accademia dei Filopatridi di
Savignano sul Rubicone. Si è avvicinato alla narrativa, con libri di ampio respiro
e trame avvincenti, dopo una vita di intenso lavoro.
Ha pubblicato:
“Una Storia a Castelvecchio” (Ed. Il Ponte Vecchio);
“L’Eredità di Venanzio” vincitore del Premio letterario “Il Pungitopo” 2002 (Ed.
Guaraldi);
“Gli uomini di Bluma” II classificato al Premio Letterario “Palazzo al Bosco”,
2002 (Ed. Giraldi);
“La saggezza di Toni” (Ed. Giraldi);
“Notte all’Hostaria La Guercia - Pandolfo Collenuccio, uomo di corte del XV
secolo, (Ed. Argalia), pubblicato nell’anno del V centenario della morte di questo
personaggio dalla vita straordinariamente avventurosa. Il romanzo è ambientato
nel XV secolo, di cui è l’autore è studioso e conoscitore.
Con l'Agemina ha pubblicato anche “La Magìa del fuoco” 2007.
20

MELA MONDI’ SANO’
ALLA CORTE DEL NONNO
Masticando liquirizia
PREFAZIONE DI SALVATORE G. VICARIO
EDIZIONI AGEMINA
ISBN 978-88-95555-10-2
Pagg. 327 - Euro 19.00

Libri senza tempo
Quando si legge un romanzo e si rimane affascinati sia dal contesto narrativo,
sia dalla potenza comunicativa del linguaggio, si può parlare di opera del “genio”,
di opera altamente significativa, intensa, mai enfatica, in poche parole, di
“capolavoro”.
Mela Mondì Sanò, in questo romanzo “Alla corte del nonno masticando
liquirizia”, concepito e scritto in lunghi anni di meditazione e di studio sul
territorio nebroideo, sull’immobilismo - anzi sulla staticità dei costumi e dei
personaggi che abitano i Nebrodi - sui caliginosi codici che regolano il
feudalesimo, per anni imperante in terra di Sicilia, ha realizzato un’opera di
ampio respiro, un’opera, che oltre al valore storico-culturale, ha anche una
notevole importanza letteraria.
Si tratta di un vasto affresco storico-narrativo: un teatro umano, dove ricchezza
e povertà, opulenza e miseria si intrecciano con le contraddizioni di una
società, sfociata all’improvviso in una crescente e radicale trasformazione sociale.
La tessitura finissima del romanzo, densa di temi, intrisa di vicende, di
racconti nel racconto, è quasi una ricostruzione a più voci della VERITA'.
Isabella, protagonista del romanzo, ritornata, dopo un lungo periodo di assenza,
nella terra d’origine, in una notte di tregenda - tra lampi, tuoni, sradicamenti
di piante, allagamenti - rievoca gli anni dell’infanzia e dell’adolescenza, vissuti
in seno ad un nucleo familiare, dove ogni singolo personaggio vive chiuso
nel proprio egoismo, avulso dalla realtà degli altri congiunti.
Intorno alla donna, anche in quella terribile notte di nubifragio, gravitano cugini
e parenti pronti a vomitare veleni e cattiverie, per lei inattesi e inesplicabili.
La bellezza del paesaggio nebroideo, contrapposto ai caratteri chiusi, ostili,
21
sibillini, dei vari componenti parentali costituiscono l’enigma, il filo conduttore
di tutta la narrazione, che solo alla fine vedrà chiariti i vuoti, i buchi neri di
tutta un’esistenza vissuta lontana da una verità, alla luce della quale poi - ,
come in un immenso gioco di ricomposizione - tutti i misteri trovano la loro
giusta collocazione.
Il “Nonno”, coprotagonista di rilievo, figura patriarcale, uomo di cultura sfuggente
e controverso, politico accondiscendente e ferreo nelle decisioni, massone,
personaggio dai costumi comodi, convenienti, e tuttavia ben celati, costituisce
la chiave di volta per la soluzione di ogni enigma.
Un romanzo che nulla ha da invidiare alla grande narrativa di tutti i tempi.
Mela Mondi Sanò è nata a Torrenova (ME).
Laureata in Pedagogia, abilitata in Scienze umane e Storia, ha lavorato nella scuola:
prima come insegnante e poi come capo d’Istituto.
I suoi interessi culturali sono molteplici. Infatti ha scritto e pubblicato di pedagogia,
di matematica, di storia.
La stampa e la televisione si sono occupate di lei per le iniziative socialmente significative
che ha espresso fin da giovane, quando nel 1957, unica donna siciliana, si
presentò a “Lascia o Raddoppia” e vinse il massimo premio.
Nel 1984 ha pubblicato “Da Pietra di Roma a Torrenova”(ed. Pubblisicula ), un libro
che aiuta a scoprire l’identità di un paese istituito a Comune autonomo.
Ha ricevuto riconoscimenti nel campo della poesia. Nel 1994 ha ottenuto il premio
internazionale di poesia “L’Acàlypha” con il libro “Razza della mia terra” ed. Agemina.
Impegnata nel sociale ha conseguito:
- negli anni 1970/80 la specializzazione nell’educazione degli alunni stranieri;
- nel 1996 il diploma triennale in formazione politica al Centro Arrupe di Palermo.
È stata consigliere nazionale e poi presidente provinciale del M.I.E.A.C. (movimento
di impegno educativo dell’A.C.).
“Alla corte del nonno masticando liquirizia” è il suo primo romanzo.
Ambientato sui Nebrodi, ci permette di conoscere ed apprezzare le bellezze storiche e
naturalistiche di questo territorio oggi conosciuto come il Parco Regionale dei Nebrodi.
Il libro presentato al Festival “TERRA DI LIBRI”
- Siena
22

CLAUDIO MANDUCHI
MISTERI
Collana: Paesi, fatti, personaggi
(narrativa-saggistica)
Edizioni Agemina 9788895555089
Bross. rileg. illustrato
copertina con bandelle
Pagine 136 - Euro 14,00

Continua l’accurata ricerca, condotta con strumenti matematico-fisici, dello Scienziato
Professor Claudio Manduchi su fatti e accadimenti misteriosi e inspiegabili.
La ricerca viene attuata con la solita nota tecnica della narrazione dialogata, che
rende la lettura piacevole e di facile approccio, anche se gli argomenti trattati
spesso sono di carattere tecnico-scientifici.
Un mistero Silvestre è dedicato all’evento di Tunguska, in Siberia, nel 1908,
quando un immenso territorio boschivo fu sconvolto da qualcosa di strano e misterioso,
“impressionante e conturbante per la surrealtà apocalittica” un fenomeno
che poteva somigliare a un immenso incendio o a una combustione causata
da chissà quale incomprensibile circostanza, seguito poi da una spropositata alterazione
e crescita delle nuove piante, causata ad esempio da “una radiazione
non penetrante, quale conseguenza di una interazione nucleare”. Il gruppo
di studiosi, condotti dal Professor Manduchi, cerca l’epicentro del devastante
cataclisma. Qui si troveranno i glomeruli di trinitriti... e... “Un mistero silvestre”
è un libro ricco di descrizioni paesaggistiche, di fatti avventurosi, di notizie rare.
Un libro raccomandato a chi non si ferma mai alla superficie dei fatti.
Claudio Manduchi, Professore Ordinario di Fisica Generale presso l’Università di
Padova, ha pubblicato otto libri, di cui quattro con L’Agemina, e numerosi Lavori
Scintifici su Riviste Internazionali. Ha diretto scuole di perfezionamento in Fisica
Nucleare.
Attualmente è impegnato in problematiche sulla Fusione Nucleare Fredda.
23
CLAUDIO MANDUCHI
SORELLA ACQUA
Collana: Paesi, fatti, personaggi
(narrativa-saggistica)
Edizioni Agemina 9788895555133
Bross. rileg. illustrato
copertina con bandelle
Pagine 80 - Euro 10,00

Partendo da un suo incontro “onirico” con il filosofo greco Talete di Mileto,
l’Autore fa un percorso filosofico, chimico, fisico, spirituale dell’acqua, un “viaggio
che si svolge nel tempo, intorno alla sua costituzione elementare”. L’acqua,“la
sola sostanza conosciuta che può esistere allo stato solido, liquido e gassoso -
come vapore acqueo”.
Ed ecco che in “Sorella Acqua” incontriamo personaggi come Robert Boyle,
Georg Ernst Stahl, Johann Becher, Joseph Priestley, i quali, attraverso l’Autore,
parlano del loro ruolo nelle scoperte, nei processi e nei metodi utilizzati per
lo studio dell’acqua. Incontriamo di seguito “Antoine Lavoisier” inventore del
“Pellicano” John Dalton, al New College di Manchester, e ancora Dimitrij
Ivanovic Mendeleev, Michael Faraday, Ernest Rutherfor, Wolfang Pauli, ciascuno
con i propri studi, le proprie teorie, le proprie sperimentazioni. Un escursus
intenso e di grande interesse che prosegue fino ad arrivare alla ideazione della
“fusione nucleare”, all’“acqua pesante”, alla bomba atomica, all’“acqua naturale”,
e infine ai “desalinizzatori”, strumenti che eliminano il sale dalle acque
marine: un sistema che potrebbe salvare l’uomo in caso di necessità incombenti,
come ad esempio nel caso dello scioglimento del ghiacciaio dell’Artico, la maggiore
risorsa d’acqua pura del nostro pianeta.
Il libro del Professore Manduchi è un’opera di narrazione limpida che conquista
sin dalle prime pagine.
Claudio Manduchi, Professore Ordinario di Fisica Generale presso l’Università di
Padova, ha pubblicato otto libri, di cui quattro con L’Agemina, e numerosi Lavori
Scintifici su Riviste Internazionali. Ha diretto scuole di perfezionamento in Fisica
Nucleare.
Attualmente è impegnato in problematiche sulla Fusione Nucleare Fredda.
NOVITA’ in libreria
24
Valentino Rocchi, abile “architetto del romanzo”, si cimenta questa volta con
un poderoso giallo, anche se si può affermare che quasi tutti i suoi romanzi
sono condotti sul filo di una tensione che fa pensare all’intrigo.
La protagonista di “Confrontarsi con Karolina”, una donna di successo, bella,
affascinante, abituata a muoversi con disinvoltura nel mondo delle gare
motociclistiche - quali erano negli anni “70” ancora lontane dal tecnicismo
esasperato e dalle gigantesche strutture che le accompagnano oggi - viene
assassinata, dopo l’ultima gara di Brno.
Dell’omicidio viene accusato il marito che finisce in galera per l’odio che
Gaudino, un magistrato poco scrupoloso, nutre verso l’industriale, il quale
gode invece di stima e successi nella sua città.
Passano quattordici anni e una giornalista, a conoscenza dell’innocenza dell’impresario
e tormentata dal rimorso per essersi sottratta alle proprie responsabilità,
fa riaprire le indagini pur tra varie difficoltà e le ostilità dello
stesso Gaudino.
Il mistero si intreccia. La ricostruzione del delitto a più voci si intesse dei
destini di più personaggi, che transitano dal mondo del motociclismo a quello
del traffico di pezzi rari di antiquariato, a quello della droga. Si incontrano
storie d’amore e storie drammatiche.
In questo romanzo Valentino Rocchi conferma la sua abilità nel creare personaggi
indimenticabili, come quello dell’ingegnere ebreo costretto a cambiare
COLLANA: GIALLI AGEMINA

VALENTINO ROCCHI
CONFRONTARSI CON
KAROLINA
(GIALLO)
Collana: Gialli Agemina
Edizioni Agemina
www.edizioniagemina.it
ISBN 9788895555195
Pagg. 408 Euro 18.00


25
patria e nome, per sfuggire alle persecuzioni messe in atto nella sua Polonia
dalle leggi razziali al tempo della seconda guerra mondiale.
L’Autore, che in quasi tutti i suoi romanzi ci ha affascinato con vicissitudini e
peripezie del mondo contadino, in “Confrontarsi con Karolina” dà l’appuntamento
ai suoi lettori con l’imprenditoria e con le gare motociclistiche e lo fa
con precisa cognizione dei fatti e degli intrighi roteanti attorno al mondo di
quello sport.
Nell’intensità dei temi affrontati emerge il sentimento profondo di Valentino
Rocchi verso la giustizia, la correttezza, la dignità umana.
Vita e opere:
Valentino Rocchi, nato a Savignano sul Rubicone, è socio corrispondente della
Rubiconia Accademia dei Filopatridi di quella città. Si è avvicinato alla narrativa
con libri di ampio respiro e trame avvincenti, dopo una vita di intenso
lavoro.
Questo è il suo nono lavoro pubblicato. Nell’ordine:
Una storia a Castelvecchio (Ed. Il Ponte Vecchio);
L’eredità di Venanzio – vincitore del Premio Letterario Nazionale “Il Pungitopo
2002” (Ed. Guaraldi);
Gli uomini di Bluma – II classificato al Premio Nazionale Letterario “Palazzo
al Bosco 2002” (Ed. Giraldi);
La saggezza di Toni – II classificato al Premio Letterario Nazionale “Il
Pungitopo” (Ed. Giraldi);
Notte all’Hostaria la Guercia – Pandolfo Collenuccio, uomo di corte del XV
secolo, pubblicato nel V centenario della morte di questo personaggio dalla
vita straordinariamente avventurosa. Il romanzo è ambientato nel XV secolo
di cui l’Autore è studioso e conoscitore. (Ed. Argalia);
1504 – Notte all’Hostaria la Guercia – Con questo titolo è stata pubblicata
una seconda edizione del precedente romanzo (Ed. Agemina);
La Magia del fuoco (Ed. Agemina;)
Il Pianoforte a coda (Ed. Giraldi);
La padrona di Santa Maria (Ed. Giraldi)
Di prossima pubblicazione: Giolina (Edizioni Agemina)
26
COLLANA DI NARRATIVA: I TIPI

Dalla Prefazione di Carmelo Mezzasalma
Pietro Trapassi, al suo secondo romanzo, con I ragazzi del rione Zaccaneddri, ci parla
di Palermo e, per l’esattezza, di un quartiere periferico della città, nel trapasso epocale
tra gli anni ’50 e ’60. L’epoca ben nota del boom economico o del «paese mancato» per
dirlo nel linguaggio degli storici. In ogni caso, egli ci parla di una città insolita, di una
città ritrovata, nel senso proustiano del termine, attraverso lo scandaglio esistenziale di
un gruppo di amici che nella loro biografia recano le tracce o le stimmate di quel trapasso,
a tratti tumultuoso e a volte distruttivo....
... la città è protagonista di questo libro, scritto con felicità e intento rammemorante, ma
una città colta nel suo aspetto quotidiano, nelle vicissitudini, appunto, delle vicende di
protagonisti che, per la verità, potrebbero appartenere a qualsiasi luogo, poiché lo scopo
dello scrittore è quello di giungere ad una universalità senza frontiere geografiche.
... La storia di Giorgio, di Nino, di Roberto, ma anche di Elisabetta, Giulia, Lucia si
snoda, in effetti nel trapasso dalla prima adolescenza alle soglie della giovinezza dove
la vita, con le sue pulsioni e con la sua trama sociale, incalza questi protagonisti a
prendere posizione di fronte a se stessi e di fronte all’amicizia stessa.
A Settembre sarà presentato a Palermo.
I ragazzi
del rione
Pietro Trapassi

Zaccaneddriî
(romanzo)
Prefazione di Carmelo Mezzasalma
SBN 978-88-95555-06-5
brossura, cucitura filo refe, bandelle
pagg. 188 - (14,6x21) • 14,00


Pietro Trapassi, nato a Palermo, laureato in giurisprudenza, da molti anni vive e
lavora in Toscana, a Campi Bisenzio, a pochi chilometri da Firenze.
Per i Tipi dell’Agemina ha pubblicato il romanzo autobiografico “Il Gelso”.
27
SERGIO GIANCLAUDIO
CERRETI
Amico Vino
VIAGGIO A PICCOLI SORSI
FRA VINI E MEMORIA
ISBN
brossura, rilegato filo refe
pagg. - (14,8 x 21) • 14,00

Sergio Cerreti, nato a Parigi nel 1937, giunge in Italia al termine della 2^ guerra
mondiale, quando ha fine il lungo esilio politico della sua famiglia, rifugiatasi in
Francia,poi in Belgio, in Danimarca, Unione Sovietica.Si è laureato a Roma in Architettura
e ha operato per la Regione Toscana nel campo dell’Urbanistica.
Ha pubblicato: “Dietro il Piazzale”, Il Tramway di Sesto - Gli anni della Storia-
Sestesi sotto Monte Morello - I detti della Nonna Giulia.
Novità

Il Premio di Poesia Agemina 2007
Ë stato assegnato a
CELESTINO CASALINI
con la pubblicazione del volume:
IL MURO DEI MISERI
1° Premio
del Concorso Internazionale di Poesia Inedita
“AGEMINA” FIRENZE
III Edizione
ISBN 978-9010-976-8
pag. 48 • 8,00

29

COLLANA DI POESIA: LA FENICE
PINA VICARIO
ìI confini del tempo
(poesie)
SBN 978-88-95555-02-7
Brossura, cucitura filo refe,
risvolti di copertina
pagg. 128 - (14,6x21) • 10,00

In questa raccolta il senso drammatico dell’esistenza con i suoi piú vistosi segni
contemporanei, assume grande rilievo. Siamo in presenza appunto di un nucleo
centrale di tematiche riconducibili al dramma della vita: la vecchiaia, il potere
politico ed economico, il bisogno di giustizia.
Evidenti ed efficacemente espresse anche le nostre paure cosí attuali prodotte dalla
guerra, dalla violenza: sugli uomini e sulla natura, ma anche ad esempio su Firenze,
la nostra città affaticata ed imbruttita.Un altro filone, a Pina cosí congeniale, è
quello che si riferisce al rapporto dell’uomo e del poeta con la natura e il tempo (le
acque, le piante, gli astri) e le loro “metamorfosi”.
Delicata e misteriosa è la sua ricerca sui segni - e sui segnali - che le cose che ci
circondano emanano talvolta per ammonirci, quasi sempre per lenire i nostri
smarrimenti e turbamenti e contribuire ai nostri “risorgimenti” e “riscatti”.
Mi sembra inoltre di poter affermare che il suo verso si è fatto piú sicuro e piú ricco
il vocabolario poetico e la struttura delle poesie.
Luigi Tassinari
BIBLIOTECA ECONOMICA DI POESIA
Pina Vicario, ha pubblicato: Pinocchio in rime 1982 (Agemina) - Il Donatello - Firenze - Premio
speciale della Giuria 1884; I risvolti della memoria - poesie - 1988 (Agemina) - Premio Il Fiorino
díOro per líinedito 1987 e il fiorino díargento per líedito 1988- Firenze-Europa; Líalbero delle lune
- romanzo - sceneggiato e trasmesso in due puntate, per il programma radiofonico regionale toscano ìFreschi
di stampa î. Regia di Gabriele Parenti. Le strane avventure di mamma chioccia e Tip Tip
- narrativa ragazzi, utilizzato per i progetti di lettura nelle scuole elementari. Ha collaborato con Il
Tirreno, e con varie riviste culturali. Attualmente dirige le Edizioni Agemina - Firenze.
30
COLLANA DI POESIA: LA FENICE
MARTINA NICCOLUCCI
Levigare le ali ad una Nike
PREFAZIONE DI ANDREA BIANCHINI
EDIZIONI AGEMINA
98788955555058
PAGG. 64 EURO 12,00

Scheda Libraria
Nike, Niche o Nice, la dea che personifica la Vittoria, è stata assunta da Martina
Niccolucci - giovane poetessa al suo esordio nel campo della poesia - a madrina
di questo bel libro, per il quale ha formulato l’enigmatico titolo “Levigare le ali
ad una Nike”.
L’originalità del titolo ben si addice alla singolarità della tematica e dello stile
fresco, immediato, delle liriche.
Come afferma in prefazione Andrea Bianchini “l’autrice... esprime sentimenti e
stati d’animo usando le parole del quotidiano senza inquinare la spontaneità e
l’immediatezza del sentire con orpelli linguistici rari o desueti...”
Sono poesie intimistiche che tracciano una trama sottile su un vissuto di sentimenti
intensi, quasi una esplorazione del proprio territorio psichico, passionale, a
momenti trasgressivo.
... Mi sento in mezzo/a due vallate aride,/ sterili/ ghiacciate a tratti./ Lontana dal
mondo reale,/ incerta sull'esistenza,/ sulla vera realtà/ continuo a camminare/
rincorrendo quelle voci/straziate ed i colori evanescenti.../
Martina Niccolucci, nata a Firenze nel luglio del 1986, abita e lavora a Campi Bisenzio
(FI).
Scrive poesie da diverso tempo e trova anche spazio per dedicarsi allo sport. Fa parte
infatti della squadra femminile di calcetto della sua città.
31


Altri
Titoli esauriti


anni 1980-1992
Collana: Paesi, fatti, personaggi
Gianni Batistoni - Sesto Fiorentino tra racconti e ricordi -
1989 - 3 ristampe - Premio
Gianni Batistoni - Le Storie - 1991
Sergio Cerreti - Dietro il Piazzale - 1992
Collana di narrativa: Spazio
Emma Nocera - La Fiumara - 1988
Pina Vicario L’albero delle lune - 1988
Ugo Cappelletti - La scatola rossa - 1989
Fernando Buti - Un Toscano in Sicilia - 1992
Julian Frullani - Il Ruscello delle Arpe silenziose - 1992
Enrichetta Zetti - Il fischio del serpente - 1993
Collana - ragazzi
Pina Vicario - Pinocchio in rime 1981
Pina Vicario - Le strane avventure di mamma chioccia e Tip
Tip - 1991
Marisa Brambilla - Storie così - 1991
Collana di poesia: I Petali
Pina Vicario - I Risvolti della memoria - 1987
Ida Blatter - Finché vivrò - 1988
Sergio Barbieri - Le stanze del tempo 1988
Paolo Sangiovanni - Il grido delle rondini 1989
Mela Mondì Sanò - Razza della mia terra 1990
35
Silvana Giannelli - Le parole del silenzio 1990
Ninny di Stefano Busà - Abitare la polvere 1990
Loredana Paoletti - L’albero antico 1991
E. Mastrorilli Petrocelli - Album dei ricordi 1991
Anna Balsamo - Cielo e terra e ancora primavere 1991
Gianfranco Rosini - Sotto la volta del cielo 1993
Gladys Gramolelli - Marea 1993
Biblioteca storica
Riccardo Fragassi - Leghismo 1992
T. Fragassi de Roseto - E. Stumpo - Il Consenso alla Lega
Nord - 1993
Arte
Teresa Lappano - Catalogo d’arte - 1993


Torna ai contenuti | Torna al menu