Edizioni Agemina 2015

Vai ai contenuti

Menu principale:

Annamaria Naso

recensioni
 

Recensioni  per Annamaria Naso

Holmi (04-04-2014)
Un libro piacevolissimo. La storia è coinvolgente e la scrittura è corretta e molto gradevole. Bella idea quella di mischiare in un unico libro i vari dialetti italiani. Unico difetto: troppo breve! Aspettiamo un'altra indagine di Mara Nicolosi.Voto: 3 / 5

Andrea Fioretti (20-03-2014)
Un bel libro poliziesco che appassiona e diverte. Il ritmo è sostenuto e la storia è ben congegnata. I personaggi sono ben caratterizzati e rappresentano un spaccato di tanta Italia senza cadere negli stereotipi. Davvero interessante per un'opera prima. Aspettiamo con impazienza il seguito. Da non perdere.Voto: 5 / 5

Valeria Lucchesi (16-02-2014)
Un gran bel giallo, una storia intrigante e appassionante, curata nel minimo dettaglio. Belle le descrizioni, che danno respiro al ritmo incalzante del racconto. L'eterogeneitá del linguaggio e gli intercalari dialettali conferiscono una nota di colore e un tocco di vivacitá. I personaggi sono presentati in modo realistico e basta davvero poco per affezionarsi alla protagonista del romanzo! Spero di leggere presto il seguito! Ottimo libro.Voto: 5 / 5

Antonella (22-12-2013)
Lettura molto piacevole, la trama funziona e la scrittura, oltre che corretta, è avvincenteVoto: 5 / 5

Teresa (18-12-2013)
Apprezzo il genere poliziesco anche se leggo raramente gialli. Questo romanzo invece ha catturato la mia attenzione sin dalle prime pagine tanto che una volta cominciato non ho potuto fare a meno di leggerlo tutto d'un fiato: la trama è avvincente; i personaggi sono interessanti, credibili, descritti con precisione; l'ambientazione efficace, la scrittura accurata e scorrevole al tempo stesso. Complimenti all'autrice, che spero ci racconterà altre avventure di Mara Nicolosi!Voto: 5 / 5

M° Mauro Lico (27-11-2013)
Ho letto il libro di Annamaria Naso e sono rimasto catturato da ogni cosa: intreccio, personaggi, sfondi e ambientazioni. Questa autrice, che dice di essersi avvicinata alla scrittura relativamente tardi sembra avere le carte in regola per diventare sempre più conosciuta.Voto: 5 / 5

Giancarlo (24-11-2013)
Amici del giallo, a tutti consiglio questo libro!!! E' stato presentato dall'autrice alla Feltrinelli di Pisa e lo trovate o potete ordinarlo in tutte le librerie d'Italia. Io ne ho letto il manoscritto tempo fa, ma da allora il romanzo si è arricchito e quindi lo sto rileggendo per riscoprirlo. Sulla pista del giallo si affacciano ricordi e modi di dire di varie regioni d'Italia, che fanno da cornice alle indagini del commissario Mara Nicolosi. Da siciliano anch'io, come Mara, concludo dicendo: mi raccomando non fate i tirchi fitusi ché tanto non ve li potete portare nella tomba i soldi, e per una volta che esce un libro scritto da una persona che ama la lingua italiana e la sua nobile grammatica, LEGGETEVELO!Voto: 5 / 5

Tiziano Consani (21-11-2013)
Il commissario Mara Nicolosi, figura ben azzeccata e di origini siciliane, vive e lavora in una città del nord Italia ed è il personaggio principale della storia. Un giallo da leggersi tutto d'un fiato, da divorare una pagina dopo l'altra. L'abile autrice, originaria di Messina, ci permetterà di conoscere, finalmente e solo dopo ripetuti colpi di scena, il colpevole e il movente che ha spinto ad uccidere, atrocemente, un famoso musicista. Una donna poliziotto, siciliana con i fiocchi, creata da una scrittrice, proveniente dallo stesso luogo, come Annamaria Naso: un duetto in versione femminile da poter competere, alla grande, con la coppia "Montalbano-Camilleri" alla quale sono molto affezionato. Tiziano ConsaniVoto: 5 / 5

Serena Carbone (21-11-2013)
Non ho mai letto un giallo prima di questo, ma posso dire che è un libro avvincente, che si legge bene; ti prende e quando arrivi all'ultimo punto dell'ultima pagina ti dispiace di averlo finito!! Spero di poter accompgnare il commissario Mara Nicolisi in altre indagini, se ne farà in futuro!

Nina Giardinieri -  
"LA CHIAVE DI VIOLINO” (Edizioni Agemina), prima fatica letteraria di Annamaria Naso. Il titolo, accattivante, è già un invito alla lettura: un giallo che si svolge in una città del nord. La protagonista una giovane, dinamica ed intelligente, commissario di polizia di origine siciliana, una squadra di polizia ben affiatata, un grande amore che muore per una breve avventura, un violinista poco apprezzato per scarso talento, l'omicidio di un famoso maestro d'orchestra: l'inchiesta non si presenta facile, anche se non presenta i soliti rituali dei gialli, e sta proprio qui l'originalità del romanzo, non colpi di scena, non eclatanti svolte, né pistolettate e lotte corpo a corpo, ma la riflessione, il lavoro di squadra ben coordinato che portano alla soluzione finale. Un romanzo da leggere e apprezzare proprio per il clima di calma e serenità in cui si svolge e per i personaggi, che vengono magistralmente descritti. Auguri e complimenti all'autrice.


Torna ai contenuti | Torna al menu